PER LA MENTE,
CON IL CUORE

Itacablog

Essere felici ha sempre a che fare con l’altro

Essere felici ha sempre a che fare con l’altro

15/11/2019

Casa. È la prima parola che emerge in infiniti tentativi di scrivere una definizione per questa mia esperienza. 
Suoni il campanello di Saveedra 1263 e alcuni Soci della Casa del Paranà ti ricevono, ti accolgono e ti accompagnano in tutto ciò di cui hai bisogno.
Conosco Rita, Jorge, Lucas e Veronica, che dirigono, presiedono e coordinano le attività della casa.

Tutto ciò che accade ha un’impronta familiare: vengono organizzate attività quotidiane e nessuno rimane senza un ruolo da svolgere. Le sfumature nella quotidianità a Casa del Paranà sono una costante, l’unico bianco e nero è il pavimento di una galleria che si estende in tutto il luogo e termina in una stanza che ha una grande finestra sul patio. Mi fermo qui e osservo il verde del giardino, da loro curato.

Pace. La seconda parola che mi viene in mente. 
Un silenzio rispettoso invade i sensi. Non ci sono cellulari o telefoni, i dialoghi sono autentici e profondi.
Guardando attraverso quella finestra viaggio attraverso un mondo di teorie apprese, autori, film e opere d’arte. Tutto ciò che ha sempre richiamato o riferito il concetto di Salute Mentale si dissolve e vengo immersa in nuove storie di vita.

Una parola, un sorriso e un abbraccio fanno cadere ogni cosa che può essere scritta sotto forma di regola che riguarda la Salute Mentale. 
Solo quando la pagina è bianca che si può iniziare a ribaltare ciò che gli occhi vedono e far ascoltare il cuore.

Casa del Paranà si basa sul modello internazionale delle Clubhouse.
Clubhouse International è l’organismo che riunisce e verifica gli standard operativi delle oltre 300 Clubhouse presenti in 32 paesi del mondo. Casa del Paranà è la prima istituzione di questo tipo in America Latina e la seconda presente a Buenos Aires.

L’obiettivo è l’inclusione sociale e lavorativa delle persone con disagio psichico.
Riteniamo che la diagnosi non definisca l’intera persona, ma ne faccia solo parte. Attraverso i diversi programmi che attuiamo, vogliamo offrire strumenti per l’indipendenza, la vita comunitaria e il sostegno reciproco“, afferma Rita.
La clubhouse lavora con persone che decidono di partecipare volontariamente, scegliendo giorni e ore in cui desiderano frequentare. Non sono pazienti, ma SOCI. Si offre un giornata strutturata dal lavoro e da programmi ricreativi e sociali. Si aiutano le persone a perseguire i propri obiettivi professionali ed educativi, aiutandoli a cogliere opportunità all’interno della stessa comunità e promuovere stili di vita sani. Un ulteriore punto importante è il programma “Transition Jobs”, che offre ai Soci l’opportunità di iniziare un lavoro retribuito e rientrare attivamente nella società.

Articolo tratto e tradotto da La Capital
“Estar feliz siempre tiene que ver el otro”

Utilizziamo i cookies per garantire la corretta funzionalita' del sito e per tenere conto delle tue scelte di navigazione in modo da offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo anche cookies di terze parti. Per saperne di piu' consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy.
Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizziamo i cookies per garantire la corretta funzionalità del sito e per tenere conto delle tue scelte di navigazione in modo da offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo anche cookies di terze parti. Per saperne di più consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy. Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi