PER LA MENTE,
CON IL CUORE

#ItacaMovie: Nessuno si salva da solo

16/12/2021

“Non si può andare nella direzione opposta al proprio stato d’animo”

Quanto dolore si prova nel non riuscire a comunicare con chi si ama? Credo, purtroppo, che sia capitato a molti di noi. Sappiamo di essere totalmente collegati a qualcuno, ma si va a instaurare una distanza incolmabile a causa delle proprie ferite.
Quindi cosa possiamo fare?

Personalmente sto così: sono per la prima volta profondamente legata a qualcuno, ma si è instaurata una voragine tra di noi. Così persa tra i film di Netflix – che ultimamente pare riconosca il mio stato d’animo – mi sono ritrovata a vedere “Nessuno si salva da solo”.

Mi ritrovo quindi nella storia di Delia e Gaetano, entrambi divorati dalle proprie sofferenze mentali e schiacciati dalla realtà. Si incontrano e si amano, si separano e si amano, si incontrano di nuovo e continuano ad amarsi nonostante tutto.
Ma sanno di amarsi?

Ho odiato questo film per quanto è diretto.
Delia ha sofferto di anoressia e, nonostante il peggio sia passato, continua ad attuare dei comportamenti di compensazione: quando il suo
dolore è troppo grande, lei non riesce a mangiare. Vuole essere vista, vuole comunicare il suo dolore, ma vorrebbe scomparire.
Gaetano la vede e forse è l’unico in grado di farlo, ma è diretto, vive in base ai propri istinti e non si sofferma, non pensa a sé. Anche lui è perso, non riuscendo a comprendere quello che prova: “la felicità non cade dal cielo, la felicità
sceglie e noi non siamo in lista”. 

In questa storia ci sono demoni e fantasmi: c’è una sofferenza psicologica che non può essere risolta insieme, ma allo stesso tempo “nessuno si salva da solo”.

Non farò spoiler sul film, ho letto alcune recensioni e tutte quante lo presentano con un finale drammatico…e se non fosse così? 
Alla fine, dopo averci ragionato su, non credo di odiare questo film.
A differenza di alcuni articoli che ho letto, personalmente ho visto dell’altro: il senso del limite.
Tutto rimane inrealtà aperto, bisogna affrontare la crisi, arrivare al proprio limite cosicché possiamo andare oltre. Il limite non è un muro, ma un punto di partenza verso altre possibilità. 
Riprendendo la domanda iniziale, che cosa possiamo fare?
Dobbiamo essere sinceri con noi stessi, dobbiamo fare i conti con i nostri sentimenti e lavorare sul nostro dolore, chiedendo aiuto. 
Andremo   oltre,   saremo   diversi   e,   forse,   quella   distanza   può   essere   finalmente colmata.
Quindi rimane a noi: ci proviamo o rimaniamo fermi? Personalmente mi concedo il rischio.

Articolo realizzato da Giulia 
per il progetto “Attivismo Digitale

Utilizziamo i cookies per garantire la corretta funzionalita' del sito e per tenere conto delle tue scelte di navigazione in modo da offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo anche cookies di terze parti. Per saperne di piu' consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy.
Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizziamo i cookies per garantire la corretta funzionalità del sito e per tenere conto delle tue scelte di navigazione in modo da offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo anche cookies di terze parti. Per saperne di più consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy. Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi