PER LA MENTE,
CON IL CUORE

Itacablog

Prigioniera per anni della mia depressione

25/06/2018

«Da quanto tempo sei in analisi per la tua depressione?»
«Diciotto anni»
«Diciotto anni? Ma è tantissimo!»
«Non hai capito: da quando avevo 18 anni. Ora ne ho sessantanove»

La depressione è una malattia difficile da riconoscere, come non ci stanchiamo di ripetere noi volontari di Progetto Itaca, associazione che aiuta le persone affette da problemi di salute mentale. La buona notizia è che possiamo sconfiggerla, ma solo se la curiamo in modo serio e corretto, come dimostra la storia.

Era il 1965. Avevo 17 anni. Tutto andava bene, ma all’improvviso ci fu una nuvola nera, come se si fosse spenta la luce. A scuola ero molto brava, ma di colpo non avevo più voglia di studiare. I libri, i compiti da svolgere erano diventati montagne insuperabili. Non m’importava neanche dell’esame di maturità: proprio a me, così brillante, un anno avanti ai miei compagni. Anche giocare a tennis aveva perso ogni attrazione. Improvvisamente mi sentivo vuota, chiusa, inerte, assorta in uno sguardo interiore sempre più cupo. Intorno a me tutto era diventato sfocato, lontano, ma non capivo che cosa mi stesse succedendo, e neanche i miei genitori: pensavano che fossi preoccupata per l’esame. E quando fu passato (anche con bei voti) mi mandarono a sciare per un po’.

Questo articolo è frutto di una lunga intervista a Margherita una volontaria di Progetto Itaca che ha accettato di raccontarsi , continua a leggere l’articolo su Vanity Fair

Utilizziamo i cookies per garantire la corretta funzionalita' del sito e per tenere conto delle tue scelte di navigazione in modo da offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo anche cookies di terze parti. Per saperne di piu' consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy.
Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizziamo i cookies per garantire la corretta funzionalità del sito e per tenere conto delle tue scelte di navigazione in modo da offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo anche cookies di terze parti. Per saperne di più consulta le nostre Privacy Policy e Cookie Policy. Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi